POWr Hit Counter

Intervento su apertura avversaria di 1NT.

Intervento su apertura avversaria di 1NT
Abbiamo visto che, se siamo opportunamente equipaggiati, sull’apertura di 1NT siamo in grado di gestire al meglio tutte le possibili mani con qualunque punteggio.
Per questo motivo è molto importante intervenire sull’apertura avversaria di 1NT allo scopo di rendere più difficoltoso lo scambio d’informazioni e lo sviluppo della licita avversaria. La problematica relativa all’intervento su apertura di 1NT è stata molto studiata dagli analisti e sono disponibili in letteratura parecchie convenzioni che
trattano questo argomento. Le piu’ note sono le seguenti: Landy, Brozel, Becker, Astro, Astro pinpoint, Cappelletti, DONT e DONT R&N.
Tutte queste convenzioni hanno in comune i requisiti necessari per intervenire. L’intervento viene eseguito solamente con mani sbilanciate, con bicolori per lo meno 5-4, ed hanno tutte la dichiarata intenzione di disturbare le comunicazioni avversarie.
Per poter scegliere a ragion veduta tra ben 8 convenzioni che concernono il medesimo argomento, dobbiamo impiegare dei criteri oggettivi di selezione.
I criteri sono i seguenti:


1) Frequenza d’impiego: il nostro scopo è di disturbare la licita avversaria, quindi maggiore sarà la frequenza dell’intervento maggiore sarà il disturbo arrecato.
2) Palo nobile posseduto sempre noto: i pali nobili sono quelli che hanno
maggiore potere d’interdizione perché costringono l’avversario a licitare ad un livello più alto. E’ quindi positivo che il nobile posseduto dall’interferente sia noto il più sovente possibile.
3) Frequenza con la quale sono noti entrambi i pali della bicolore posseduta: sia per il proseguimento della licita sia per l’attacco, più sovente si conoscono entrambi i pali dell’interferente meglio è.
4) Livello della risposta di scelta del compagno dell’interferente: più basso è il livello della licita di scelta del compagno dell’interferente tra i due pali della bicolore, meglio è perché meno stringenti sono i requisiti necessari per l’intervento stesso e quindi più frequente risulta l’intervento.


Alla luce dei 4 criteri sopra esposti, la convenzione più performante è la DONT R&N  che funziona come segue:

 


W      N      E      S
-         -    1NT   2§= minimo 5-4 nei minori su cui Nord passa o

                                 corregge a 2¨.
                         2¨ = minimo 5-4 nei nobili su cui Nord sceglie tra 2© o

                                  2ª.
                         2© = 5© più minore 4°+ ignoto a lato, oppure 6+©
                         2ª = 5ª più minore 4°+ ignoto a lato, oppure 6+ª
Il punteggio richiesto per l’intervento varia a seconda della vulnerabilità e della distribuzione e può andare da 6-7 punti sino ad un punteggio d’apertura.
L’importante è che i punti posseduti, pochi o tanti che siano, siano concentrati nei pali di cui si è palesato il possesso.

 

 

 

 

Back

© 2022 Gianantonio Castiglioni. All Rights Reserved. Designed By Meridian Dynamics

Please publish modules in offcanvas position.